Un successo straordinario per Cibus 2023: record di presenze e novità agroalimentari

Un successo straordinario per Cibus 2023: record di presenze e novità agroalimentari - Giridipasta.it

Introduzione:
La ventiduesima edizione di Cibus a Fiere di Parma si è chiusa con cifre da record, registrando oltre 70mila presenze. Un’edizione che ha fatto registrare numeri eccezionali, con la presenza di 3.000 brand e 3.000 buyer, e che ha visto la partecipazione di illustri personalità come il Ministro del Made in Italy e delle Imprese Adolfo Urso e il Ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida.

Prodotti Dop e Igp: il successo nei punti vendita
I prodotti Dop e Igp hanno conquistato un ruolo da protagonisti durante la kermesse di Cibus. Secondo l’analisi di Nielsen, l’utilizzo di questi ingredienti all’interno di prodotti industriali ha contribuito a una crescita significativa delle vendite. Infatti, è stata registrata una crescita del +14% sul valore e del +9,6% sul volume. Inoltre, l’indicazione della presenza di Dop e Igp nel packaging ha dimostrato di influenzare positivamente la propensione al consumo, spingendo i consumatori a preferire i prodotti premium nonostante il costo leggermente superiore. La collaborazione tra consorzi e brand si conferma come uno dei temi centrali di Cibus, promuovendo una sinergia virtuosa nel settore agroalimentare.

Le novità prodotto presentate a Cibus
Durante i quattro giorni del prestigioso salone agroalimentare italiano sono state presentate più di mille novità prodotto, tra cui spiccano i lecca-lecca musicali, l’uovo vegetale, il salame al tartufo con copertura di parmigiano e il chutney all’aceto balsamico di Modena. Tra i principali trend emergono quelli legati alla salute e al benessere, con particolare attenzione al collagene presente in numerose bevande e alimenti. Un’altra novità interessante è rappresentata dall’applicazione dell’intelligenza artificiale per contrastare le contraffazioni alimentari, come dimostra il progetto Nina promosso dal Consorzio della mozzarella di Bufala Campana Dop.

Export del food made in Italy in crescita
Cibus ha posto l’accento sull’importanza dell’export nel settore agroalimentare italiano. Nel decennio 2013-2023, l’export del food made in Italy è cresciuto del 27%, ben al di sopra della media europea che si attesta al 12%. Secondo i dati dello studio del Centro di Ricerca per lo Sviluppo Imprenditoriale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, i prodotti agroalimentari italiani venduti all’estero hanno raggiunto quasi i 64 miliardi di dollari, corrispondenti a circa il 10% dell’export europeo pari a 679 miliardi di dollari. Questi risultati collocano l’Italia al quarto posto per sviluppo dell’export nel 2023 in Europa, confermando il ruolo di leadership nel settore agroalimentare internazionale.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Keep Up to Date with the Most Important News

By pressing the Subscribe button, you confirm that you have read and are agreeing to our Privacy Policy and Terms of Use