Tartufo Bianco (“oro bianco”): qual’è il più costoso e da dove viene?

Il tartufo, soprannominato “oro bianco”, rappresenta una delle eccellenze italiane conosciute in tutto il mondo, dal Piemonte alla Sicilia. La sua rarità e il prezzo, che può arrivare fino a 4000€ al kg per esemplari di peso superiore ai 50 grammi, lo rendono un prodotto di lusso e desiderio. La difficoltà nel coltivarlo, poiché cresce spontaneo in natura, contribuisce al suo fascino e alla sua esclusività. Nonostante il costo elevato, il tartufo attira l’attenzione di molti, diventando protagonista di fiere ed eventi dedicati, e per la sua tutela è stata creata l’Associazione Nazionale Le Città del Tartufo.

Il tartufo: un viaggio dalle antiche origini ai boschi Italiani

Fonte Web-tartufo bianco

Il tartufo, un fungo dalle origini millenarie

Il tartufo è un fungo che si sviluppa sotto terra, prediligendo i boschi di rovere, pioppo, tiglio, nocciolo e quercia. Le sue origini sono antichissime, risalendo a circa 4000 anni fa. Tra le varietà più note troviamo il bianco invernale, il nero invernale, il nero moscato, e molti altri, ognuno con caratteristiche uniche e distintive.

La raccolta del tartufo: un’arte riconosciuta

La raccolta varia in base alla stagione: il Tartufo Bianco nei mesi invernali, il Marzuolo da gennaio ad aprile, e così via. Questa pratica, vista come un’arte, potrebbe diventare Patrimonio UNESCO, grazie alla proposta presentata dal Ministro del Turismo e supportata dall’Associazione Le Città del Tartufo, per tutelare questo gioiello delle terre italiane.

L’associazione nazionale le città del tartufo: custodi dell’oro bianco

Fondata ad Alba nel 1990, l’Associazione si dedica alla promozione della produzione e commercializzazione del tartufo, valorizzando le peculiarità dei territori tramite turismo, cultura ed enogastronomia. Oltre 50 comuni fanno parte dell’associazione, che ha sede a San Giovanni d’Asso, ospitando anche un Museo del Tartufo.

Viaggio tra le città del tartufo: da Alba a Capizzi

Fonte web-Alba

Alba: il cuore del tartufo bianco pregiato

Alba, nel cuore delle Langhe Piemontesi, è rinomata per il suo Tartufo Bianco Pregiato. Ogni anno, l’apertura della caccia a questo prezioso fungo segna l’inizio di un periodo di festeggiamenti e tradizioni culinarie, come i tajarin e il risotto al tartufo.

Acqualagna: crocevia di varietà e natura

Acqualagna, nelle Marche, offre quattro varietà di tartufo e paesaggi mozzafiato come le Gole del Furlo. Il Museo del Tartufo racconta i segreti di questo fungo, rendendolo protagonista di esperienze immersive e interattive.

San miniato: un gigante nella storia del tartufo

San Miniato, conosciuta per la scoperta del più grande tartufo al mondo, offre eventi dedicati a questo fungo durante tutto l’anno, celebrando la sua importanza culturale e gastronomica.

Capizzi: il bianchetto dei nebrodi

Capizzi, ai piedi di Monte Averna, si distingue per la raccolta del Tartufo Bianco dei Nebrodi, nel cuore verde del Parco Naturale dei Nebrodi, dimostrando la diversità e la ricchezza delle tradizioni tartufigene italiane.

Eventi e fiere: celebrare l’oro bianco italiano

Le città del tartufo in Italia celebrano questo prodotto con eventi e sagre che permettono di scoprire i segreti della sua raccolta, degustare creazioni culinarie stellate e immergersi nella cultura:

Fonte Web-Fiera internazionale del tartufo bianco d’Alba
  • Fiera internazionale del tartufo bianco d’Alba ogni anno da fine Ottobre all’inizio di Dicembre,
  • Fiera internazionale del tartufo bianco ad Acqualagna ogni anno da fine Ottobre a metà Novembre,
  • Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco delle Colline Sanminiatesi a a San Miniato,
  • Fiera Mercato del Tartufo Bianco della frazione Corazzano (prima settimana di ottobre),
  • Mostra Mercato del Tartufo Marzuolo a Cigoli (a marzo),
  • Sagra del Tartufo dei Nebrodi ogni anno l’ultimo weekend di Ottobre,

Inoltre è bene ricordare che il Tartufo è stato protagonista ad Expo 2015 nei giorni della Settimana della cultura.
Questo non solo per premiarne l’eccellenza in qualità di alimento, ma anche e soprattutto per esaltare la pratica culturale e identitaria dei territori da salvaguardare e tramandare.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Keep Up to Date with the Most Important News

By pressing the Subscribe button, you confirm that you have read and are agreeing to our Privacy Policy and Terms of Use