Rinascita dell’export italiano: l’olio extravergine di oliva in terra iberica

Rinascita dell'export italiano: l'olio extravergine di oliva in terra iberica - Giridipasta.it

L’export italiano dell’olio extravergine di oliva in Spagna nel 2023 ha raggiunto cifre significative, nonostante un riallineamento di mercato dovuto a una decisione del governo spagnolo. L’azione di azzerare temporaneamente l’Iva sull’olio ha destato l’interesse degli operatori della filiera olivicola italiana, che analizzano le motivazioni dietro questa mossa e le implicazioni sul settore.

Scenari di mercato e impatti dell’azione spagnola

La decisione del governo spagnolo e le sue motivazioni

L’intervento del governo spagnolo nel settore dell’olio extravergine di oliva ha portato alla temporanea eliminazione dell’Iva, dal 1° luglio al 30 settembre, con l’obiettivo di supportare il consumo interno e ridurre i prezzi del prodotto Made in Spain. Gli addetti ai lavori italiani interpretano questa iniziativa come una risposta a problemi di deficit produttivo nel comparto olivicolo e come un modo per mantenere competitivi i prezzi dello stesso.

Andamento della produzione globale e previsioni

Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, la produzione globale di olio d’oliva ha subito una diminuzione significativa, passando da 3,42 milioni di tonnellate nella stagione 2021-2022 a 2,57 milioni di tonnellate nel 2022-2023. Le previsioni per il 2023-2024 indicano un ulteriore calo, con stime che si attestano a 2,41 milioni di tonnellate. Questi dati evidenziano la complessità del mercato e le sfide che il settore agricolo sta affrontando a livello globale.

Esportazioni di olio e olive: trend positivo e impatti sui mercati

Secondo il recente rapporto mensile sulla commercializzazione agroalimentare pubblicato dalla Commissione europea, le esportazioni di olive e olio d’oliva hanno registrato una crescita significativa rispetto all’anno precedente. Un aumento di 615 milioni di euro, pari al 51%, è stato attribuito principalmente all’incremento dei prezzi di mercato, nonostante si sia verificato un lieve calo nei volumi di produzione. Questi dati indicano un trend positivo per il settore e confermano l’appetito dei consumatori per i prodotti di qualità, nonostante le oscillazioni del mercato internazionale.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Keep Up to Date with the Most Important News

By pressing the Subscribe button, you confirm that you have read and are agreeing to our Privacy Policy and Terms of Use