Progetto Masaf-Unioncamere per lo sviluppo delle aree interne: il lavoro del sottosegretario all’Agricoltura

Progetto Masaf-Unioncamere per lo sviluppo delle aree interne: il lavoro del sottosegretario all'Agricoltura - Giridipasta.it

Il progetto Masaf-Unioncamere per la valorizzazione delle aree interne e di montagna

Il sottosegretario all’Agricoltura, Luigi D’Eramo, inizia un percorso di confronti con le organizzazioni agricole per presentare il progetto Masaf-Unioncamere. L’obiettivo è definire una strategia nazionale per favorire lo sviluppo delle aree interne e di montagna, contrastando l’abbandono e valorizzando le peculiarità e le tradizioni locali. In particolare, si punta alla promozione di prodotti tipici a rischio estinzione e al potenziamento del turismo sostenibile e di attività connesse al settore primario.

La collaborazione con Cia-Agricoltori italiani: strategie e obiettivi

Durante un incontro con i vertici della Cia, il sottosegretario D’Eramo sottolinea la profonda condivisione riguardo ai temi legati al rilancio delle aree interne. Si avvia così un percorso condiviso per individuare misure e provvedimenti efficaci volti a favorire lo sviluppo dei territori del Paese, ponendo l’accento sulla valorizzazione delle similitudini e peculiarità agricole locali. L’obiettivo è preservare i prodotti tipici, fondamentali per la storia e la tradizione delle economie locali, promuovendo al contempo il turismo sostenibile e le attività legate al settore primario.

Il ruolo chiave dell’agricoltore nella salvaguardia del territorio e delle tradizioni locali

D’Eramo evidenzia il ruolo fondamentale svolto dagli agricoltori come primi custodi del territorio e delle tradizioni locali. È prioritario creare le condizioni per il ricambio generazionale, destinando risorse specifiche allo sviluppo delle aree interne e di montagna, al fine di potenziare servizi e infrastrutture. Questo permetterà di garantire la continuità delle attività agricole e la valorizzazione dei prodotti tipici, pilastri della ricchezza storica e culturale delle comunità locali.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Keep Up to Date with the Most Important News

By pressing the Subscribe button, you confirm that you have read and are agreeing to our Privacy Policy and Terms of Use