La fauna selvatica incontrollata in Italia: danni e pericoli

La fauna selvatica incontrollata in Italia: danni e pericoli - Giridipasta.it

Allarme Cinghiali: La Fauna Selvatica e i Danneggiamenti all’Agricoltura in Italia

La fauna selvatica “incontrollata”, soprattutto con i 2,3 milioni di cinghiali presenti in Italia che rappresentano il pericolo maggiore, ha causato solo nell’ultimo anno danni all’ agricoltura italiana per circa 200 milioni di euro, con campi coltivati rasi letteralmente al suolo. La Puglia, con oltre 30 milioni di danni stimati e 250mila cinghiali, e la Toscana con oltre 20 milioni di danni denunciati, di cui l’80% a causa dei 200mila cinghiali, sono le regioni più colpite.

La mobilitazione della Coldiretti contro i danni della fauna selvatica

È l’allarme lanciato dalle 96 Assemblee organizzate in contemporanea dalla Coldiretti su tutto il territorio nazionale, con la partecipazione record di oltre 50mila agricoltori. Una grande mobilitazione, nell’anno delle celebrazioni degli 80 anni dell’associazione agricola.

La diffusione dei danni da cinghiali in diverse regioni italiane

Secondo la mappa regionale realizzata da Coldiretti, nel Lazio i danni stimati dai soli cinghiali superano i 10 milioni di euro, stessa cifra anche in Calabria. Un fenomeno che si sta espandendo anche ad aree prima meno frequentate come quelle del Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e in Valle d’Aosta dove i cinghiali si sono spinti fino a quote che superano i 2mila metri. Pesante la situazione in Emilia Romagna dove solo nel Reggiano si stimano almeno 50mila esemplari.

Danni rimborsati in misura minima e l’aumento degli incidenti

Danni che vengono rimborsati solo in minima parte, spesso dopo molti anni e non coprono mai il valore reale del prodotto distrutto, con la conseguenza che molti rinunciano a denunciare. Cinghiali e fauna selvatica anche causa di incidenti, 170 nel 2023, ricorda Coldiretti, secondo l’analisi su dati Asaps, in aumento dell’8% rispetto all’anno precedente e minaccia per gli allevamenti di suini per la peste suina, non trasmissibile all’uomo. Da qui la richiesta dalle Assemblee Coldiretti “di mettere un freno immediato alla proliferazione dei selvatici, dando la possibilità agli agricoltori di difendere le proprie terre. Mancano, infatti, i piani regionali straordinari di contenimento”.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Keep Up to Date with the Most Important News

By pressing the Subscribe button, you confirm that you have read and are agreeing to our Privacy Policy and Terms of Use