La Candidatura Unesco della Cucina Italiana: Decisione Imminente nel 2025

La Candidatura Unesco della Cucina Italiana: Decisione Imminente nel 2025 - Giridipasta.it

Introduzione:

Il 2025 si prospetta come un anno cruciale per la cucina italiana, con la decisione sulla sua candidatura Unesco in mano a un ristretto gruppo di Paesi membri. L’aspettativa e l’importanza attribuite a questo evento sono palpabili, visto il prestigio e la risonanza che una designazione del genere potrebbe apportare al patrimonio culinario italiano.

Il Percorso della Candidatura:

Il cammino verso la candidatura Unesco della cucina italiana ha inizio nel lontano 2023, quando diverse istituzioni italiane di rilievo come la Fondazione Casa Artusi, l’Accademia Italiana di Cucina, il Collegio Culinario e la rivista La Cucina Italiana, si uniscono per spingere verso questo obiettivo ambizioso. Questa unione rappresenta non solo un atto di orgoglio nazionale, ma anche un riconoscimento dell’importanza e dell’influenza della cucina italiana a livello globale.

Il Supporto Internazionale e l’Assemblea Unesco:

La volontà di ottenere il riconoscimento Unesco per la cucina italiana viene ulteriormente supportata dal governo italiano, che conferma la candidatura come unica per il ciclo 2024-2025. L’attenzione, quindi, si sposta sui Paesi membri del comitato intergovernativo che si riuniranno a dicembre 2025 per discutere e decidere sul destino della candidatura italiana. La presenza di nazioni di rilevanza come Francia, Spagna, Cina, Zambia, Nigeria, Emirati Arabi, Ucraina, Haiti e Barbados tra i membri di questo comitato conferisce ulteriore importanza e significato a questa decisione imminente.

Il Prestigio della Designazione Unesco:

L’assegnazione della designazione Unesco per la cucina di un Paese è un evento di grande rilevanza, come confermato dalle quattro nazioni che l’hanno già ricevuta in passato: Francia, Giappone, Messico e Corea. Questo conferma l’importanza strategica e il valore culturale che la cucina rappresenta per l’identità di una nazione. Pertanto, lo sforzo diplomatico e la capacità di convincimento diventano cruciali per ottenere il sostegno dei nove Paesi membri del comitato elettivo, che oggi detengono il potere decisionale in merito alla candidatura della cucina italiana.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Keep Up to Date with the Most Important News

By pressing the Subscribe button, you confirm that you have read and are agreeing to our Privacy Policy and Terms of Use