Il Decreto Legge Agricoltura: Proposta di legge controversa in discussione al Parlamento

Il Decreto Legge Agricoltura: Proposta di legge controversa in discussione al Parlamento - Giridipasta.it

Il deputato Francesco Bruzzone ha sollevato l’attenzione pubblica con la sua proposta di legge, nota come Legge Sparatutto, attualmente in sospeso in Commissione Agricoltura della Camera. Si profila l’intento di trasferirne il contenuto all’interno del Decreto Legge Agricoltura, in procinto di conversione in legge. Una mossa che ha generato vivaci polemiche e preoccupazioni in diversi ambiti.

Reazioni delle associazioni animaliste e ambientaliste

Diverse associazioni tra cui Enpa, Lac, Lav, Legambiente, Leidaa, Lipu, Oipa, Federazione Nazionale Pro Natura, Lndc Animal Protection e Wwf Italia, congiuntamente, hanno diffuso un comunicato ufficiale per esprimere la loro viva opposizione a questa iniziativa. Le associazioni hanno evidenziato la gravità degli emendamenti proposti da Bruzzone, in particolare riguardanti la caccia e la tutela della biodiversità.

Critiche e timori sulle modifiche proposte

Le ong hanno sottolineato come i provvedimenti inseriti da Bruzzone nel Decreto Legge Agricoltura possano avere ripercussioni devastanti sull’ambiente e sulla fauna selvatica. Tra le questioni più controverse vi è l’idea di emanare i calendari venatori mediante legge anziché atto amministrativo, rendendo più complicato il controllo da parte delle associazioni ambientaliste. Vengono anche sollevate perplessità riguardo alla deregolamentazione dell’uso degli uccelli come richiami vivi, con il rischio di alimentare un mercato illecito già attivo in Italia.

Impatti potenziali sulla biodiversità e sulle normative europee

L’eventuale approvazione di tali emendamenti potrebbe aprire la strada a forme di bracconaggio legalizzato e innescare conflitti con le normative europee in materia di tutela dell’ambiente e della fauna selvatica. Inoltre, la cancellazione del divieto di caccia nei valichi montani, considerati corridoi migratori cruciali per numerosi uccelli, potrebbe causare danni irreparabili alla biodiversità, minacciando un patrimonio condiviso da tutti.

Appello al senso di responsabilità delle istituzioni

Le associazioni hanno lanciato un appello al Parlamento affinché rifletta attentamente prima di accettare modifiche legislative che potrebbero compromettere la biodiversità, la tutela degli animali e i legami con le normative europee. Si auspica un atto di responsabilità da parte delle istituzioni affinché si preservi l’integrità ambientale e si evitino scelte che mettano a rischio il futuro del nostro patrimonio naturale.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Keep Up to Date with the Most Important News

By pressing the Subscribe button, you confirm that you have read and are agreeing to our Privacy Policy and Terms of Use