Fusion, tre ristoranti da provare a Roma Nord

Fusion Fusion
Fusion

I ristoranti fusion sono la moda del momento, eppure molto spesso c’è chi tenta di camuffare la propria offerta proponendola come fusion. Infatti, non basta unicamente inserire e aggiungere degli ingredienti sulla portata principale per creare una piatto fusion, ma è importante saper coniugare le culture e studiare bene le materie prime.

Tutti gli ingredienti (o quasi) possono essere abbinati, anche quelli che sembrano lontani sia fisicamente che culturalmente, ma è necessario uno studio e una preparazione adeguata per saper trattare, miscelare, abbinare materie prime diverse.

 

Andiamo a vedere ora tre ristoranti a Roma Nord nei quali trovare un’ottima proposta fusion:

 

 

ZERO RESTAURANT

Un ristorante healthy food, in Viale Liegi, 53 (zona Parioli), che mette in mostra le calorie di ogni piatto: nel menù, accanto ad ogni pietanza, è possibile trovare il relativo apporto calorico. Una cucina mediterranea che si fonde con quella asiatica, da Zero Restaurant troviamo i bao, i noodles, il cous cous, ma anche i crudi di salmone e tonno sino ad arrivare alla tagliata di manzo. L’obiettivo di Zero è quello di coniugare la cucina fusion all’importanza di un corretto apporto calorico e, tramite questa filosofia, cercare non solo ingredienti tali da poter creare un perfetto abbinamento, ma anche di bilanciare la qualità dei prodotti con le calorie.  

 

 

AEDE

In via Federico Cesi 22, in zona Prati, Aede propone una cucina innovativa di stampo scandinavo. Una filosofia nordeuropea che però “si basa sull’uso di prodotti del territorio, reinterpretati in chiave innovativa per creare sapori unici e memorabili”. Tecniche grazie alle quali gli chef di Aede combinano cultura scandinava e quella italiana offrendo alla clientela percorsi culinari differenti. Capasanta italiana con olio alla paprika, olio all’alga Nori chutney di mele al curry e spuma di rafano, oppure, funghi cardoncelli con albicocche fermentate con il kimchi in un brodo di gambi di cardoncelli e alga kombu, insomma già da queste due pietanze si può capire quanto Aede proponga un’idea fusion articolata e raffinata. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da æde Restaurant (@aede_dining)

NOJO 

In Viale di Tor di Quinto 35, troviamo Nojo un ristorante con un’offerta fusion nel quale “la tradizione nipponica incontra quella internazionale e si fonde con la cucina moderna europea”. La filosofia dietro la cucina di Nojo è quella di rompere gli schemi tradizionali della cucina orientale, aggiungendo ingredienti del nostro continente in un mix carico di sapori diversi e innovativi. La cucina nipponica si fonde con quella hawaiana attraverso un’attenta ricerca. Un’idea culinaria differente alla quale Nojo si approccia applicando tecniche e metodi prettamente europei. Dal sushi taco al Tiradito di Orata Vinaigrette soia, jalapenos e lime, dal Carpaccio di Angus Tsuyu, fonduta di Parmigiano 24 M, alga nori al Taco Bao con polpo locale rosticciato, Nojo presenta alternative al classico sushi ponendo l’accento sia sulla ricercatezza che sulla qualità delle materie prime del territorio.  

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da NOJO (@nojopontemilvio)

 

 

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Keep Up to Date with the Most Important News

By pressing the Subscribe button, you confirm that you have read and are agreeing to our Privacy Policy and Terms of Use